Percorso A:
da Callegari a Bobbio sulla destra orografica del Trebbia.

Partendo dal Museo Etnografico presso il borgo di Callegari, scendendo lungo una carrareccia per circa 600 m. si arriva a Cassolo, da qui a Costa Caminata, Scabiazza, su un percorso a mezza costa che offre di un'ampia panoramica sulla Val Trebbia. Da Scabiazza si ripercorre il sentiero che permette di svalicare l’orrido di Barberino, raggiungendo l'abitato di Piancasale, antico percorso utilizzato per raggiungere Bobbio prima della realizzazione del ponte stradale del Barberino. Da Piancasale il tracciato corre lungo il torrente Trebbia per giungere sino al Ponte Vecchio e quindi a Bobbio. Si possono effettuare due diversioni.La prima prevede di scendere dal Museo Etnografico all'antico guado di Cassolo in corrispondenza dell'abitato di C. Barca: da qui si percorre il vecchio tracciato che su strada con selciato ben conservato arriva all'abitato di Cadonica con la bella casa torre in ottima conservazione; La seconda è quella che parte da Scabiazza, scende per una carrareccia a Pradella e quindi giunge all’orrido di Barberino.

 

 

 

Percorso A
1--Il Museo Etnografico della Val Trebbia
2--Cascatelle sul rio Cassolo
3--Visioni di media Val Trebbia
4--L'antico guado in località C. Barca
5--Il Mulino di Piancasale
6--Mulino di Cadonica
7--Collezione di antiche varietà di viti
8--Orrido di Barberino
9--La sorgente di acqua salsa e il mulino di Piancasale
10--Le sorgenti di acqua sulfurea presso il Rio Foino
11--I Mulini sul canale Bedo a Bobbio
12--Bobbio città d’arte
13--Il ponte vecchio o gobbo
14--La finestra tettonica di Bobbio/S. Salvatore
15--Le terme di S. Martino di Bobbio
16--Campo collezione di Mandorli autoctoni
17--Impianto didattico di elicicoltura